alpinismo alpinismo
  • Valle: Varaita (Valle)
  • Partenza: Pontechianale
  • Destinazione: Visolotto
  • Regione: Piemonte
  • Difficoltà: PD
  • Durata: 5 ore dal Rifugio
  • Gruppo: Monviso
  • Attacco sentiero: dietro al Rifugio in direzione del vecchio Rifugio Gagliardone
  • Altitudine partenza: 1615
  • Altitudine arrivo: 3348
  • Dislivello: 1733
  • Esposizione: varia
  • Punti di appoggio: Rifugio Vallanta
  • Note:

    Visolotto

    La salita al Visolotto è una bella salita su roccia quasi sempre buona in un ambiente severo e solitario.

    La via è attrezzata con ancoraggi per corde doppie.

    Imboccare il sentiero U9 che da Pontechianale porta direttamente al Rifugio Vallanta. E’ possibile imboccarlo dal parcheggio che si incontra prima di raggiungere la diga, posto in corrispondenza di una chiusa idroelettrica, o qualche centinaio di metri più avanti, nell’abitato.
    Seguire prima su mulattiera  poi su sentiero che costeggia il torrente al centro della valle fino ad arrivare in un paio d’ore al salto finale e si raggiunge il Rifugio Vallanta a 2450 m.

    Altra possibilità è salire da Pontechianale con la seggiovia fino al Rifugio Helios e portarsi a sx verso le Conce (2429 m), di lì il sentiero, che all’inizio tende leggermente ad abbassarsi, percorre la dx orografica del Vallone di Vallanta con numerosi passaggi attrezzati con corde fisse e con bella vista sul Viso di Caprera (strada seguita da noi).

    IMG_8348
    IMG_8350

    IMG_8352

    L’ultima parte del sentiero

    IMG_8355

    Il cartello indicatore del sentiero percorso prima del Vallanta

    Dal Rifugio Vallanta si prosegue in direzione del vecchio rifugio  Gagliardone, poi si scende e si risale nell’evidente canalino solcato da un rio. Dirigersi in diagonale a dx e risalire la morena, dopo aver scollinato proseguire per nevai e massi instabili fino alla conca sotto le Cadreghe di Viso. La cengia di salita è quella che sale obliquamente a sx a 45° partendo dal bordo inferiore della conca che precede i caratteristici torrioni detti Cadreghe di Viso.

    IMG_8368

    Rifugio Vallanta

    IMG_8351

    Il Visolotto

    IMG_8371

    Il canalino di salita

    IMG_8373

    Tra gli sfasciumi

    IMG_8398

    Cadreghe del Viso

    Qui si gira a sinistra verso il Picco Lanino e, innalzandosi per sfasciumi e gradini, si va ad imboccare una rampa rocciosa obliqua a sinistra. Si supera un breve risalto (2), poi si continua a sinistra su una cengia detritica che conduce su un ampio pendio triangolare di pietrame e rocce rotte.

    Visolotto in fondo alla via normale

    Prima parte via di salita, (foto presa da internet)

    Salendo a zig-zag per piccole cenge e brevi risalti, si giunge al vertice del triangolo.

    Qui il pendio si trasforma in canale, incuneandosi tra la cresta sud-ovest e una robusta nervatura della parete sud. Si entra nel canale superando una strozzatura piuttosto ripida (2+), poi si prosegue nel solco roccioso per una ventina di metri.

    A questo punto si abbandona il canale, per salire a destra un diedro di 4-5 metri  di 3+, passo chiave della salita, impegnativo, dal quale si esce su una terrazza.

    Si traversa a destra per alcuni metri, poi si sale dritti un lungo canale di rocce articolate, che porta a una piccola spalla dove giunge anche un altro canale.

    Si procede facilmente per blocchi e gradini fino ai piedi dell’ultimo breve risalto, che si supera per una breve fessura-camino (3) si giunge così ad un intaglio della cresta sommitale, tra il Picco Coolidge a dx e il Picco Lanino a sx.

    IMG_1654

    Roberto in salita

    Si segue la cresta verso sinistra per rocce articolate e dopo alcune decine di metri si arriva in cima al Picco Lanino (3348 m) sul quale  c’è una croce.

    IMG_8386

    Croce di vetta

    IMG_8387

    Angelo in cima

    Discesa per la via di salita.

    IMG_1663

    Scendendo la cresta sommitale verso il Picco Coolidge

    I tratti più difficili possono essere scesi in corda doppia, sfruttando gli ancoraggi già in posto (sempre  da controllare).

    IMG_1671

    Iniziano le doppie

    IMG_8547[1] Schizzo via

    Nota: lo schizzo è tratto dal bel libro di Giuseppe Manni “Grandi vette e balconi panoramici delle Alpi Occidentali”

    Itinerario in alcuni punti da ricercare, attenzione agli ometti, quasi sempre utili, ma che in taluni casi rischiano di portare fuori via lateralmente.

    Sono utili: cordini e fettucce, corda singola da almeno 60 m, una serie di friends.

  • Mappa:
Gite collegate al presente itinerario
Data Valle Destinazione Modo
Nessuna gita per questo itinerario