Punta dell’Orso dalla Val Sangone

  • Destinazione: Punta dell'Orso
  • Zona alpina: Alpi Cozie [sez. 4]
  • Gruppo montuoso:
  • Regione: [IT] Piemonte
  • Valle: Val Sangone
  • Difficoltà: E
  • Data: 25/02/2023
  • Traccia GPX: Scarica
  • Partenza: Borgata Tonda
  • Altitudine partenza: 1170
  • Altitudine arrivo: 1905
  • Dislivello: 735
  • Attacco percorso: primo tornante dopo Borgata Tonda
  • Esposizione: sud
  • Punti di appoggio:

Sullo spartiacque tra la Val Sangone e la Valle di Susa, a breve distanza dal bellissimo Pian dell’Orso, si trova la Punta dell’Orso. La si raggiunge facilmente con una piacevole escursione tra faggete e ampie radure. Dalla sommità si gode di un vasto panorama sui monti circostanti.

Accesso

Da Torino si prende l’autostrada della Valle di Susa, si esce ad Avigliana Centro e si seguono le indicazioni per Giaveno. Successivamente si procede in direzione di Coazze con la provinciale SP192 verso la Borgata Tonda (è consigliabile impostare il navigatore). Superata la borgata si lascia l’auto nei pressi del primo tornante.

Cartello segnaletico nei pressi del tornante 

Itinerario

Dal tornante si risale la strada asfaltata per una decina di metri e si incontra sulla sinistra il sentiero n. 446.

Palina che indica l’inizio del sentiero

Una palina indica il Pian dell’Orso a 2,05 ore di cammino.

Alcune case in parte diroccate lungo il sentiero

Il sentiero, sempre ben tracciato,  si inoltra nel bosco di faggi e castagni con modesta pendenza. Dopo breve si  passa a fianco di abitazioni parzialmente diroccate.

 

Cartello che indica il bivio per il Colle Bione

A mezz’ora di cammino si incontra un bivio con cartello che indica altre direzioni, tra cui il Colle Bione, possibile via di ritorno. Si prosegue diritti.

Attraversamento della pietraia

Ad un certo punto il bosco dirada e il sentiero attraversa una vasta pietraia. Guardando a destra, verso l’alto si osservano imponenti roccioni.

Colle Bè Mulè

Proseguendo il cammino a circa 1,15 ore dalla partenza si arriva al Colle Bè Mulè, un’ampia depressione erbosa con un evidente cartello esplicativo.

Lungo diagonale  sopra il Pian dell’Orso

Dopo il Colle Bè Mulè il sentiero continua verso la Punta dell’Orso per poi piegare sul fianco sinistro dell’ampia cresta spartiacque tra la Valle di Susa e la Val Sangone. Il lungo tragitto in diagonale consente di ammirare sulla sinistra l’alta Val Sangone.

Verso il colle

Il sentiero si dirige in modo evidente verso il punto più basso della cresta che scende dal Monte Salancia.

Pian dell’Orso

In breve si raggiunge il Pian dell’Orso a 1850 m e sulla destra si apre lo sguardo verso il bellissimo pianoro, con in fondo la Cappella Madonna della Neve.

Breve discesa verso il pianoro

Dal colle alla cappella vi sono circa 200 m di pianoro.

Eccoci sul Pian dell’Orso

La Punta dell’Orso dista dal piano poche centinaia di metri e 50 m di dislivello che si percorrono in 15-30 minuti.

Panorama dalla Punta dell’Orso

Dalla vetta il panorama si estende sulle montagne della Valle di Susa tra cui spicca il Rocciamelone con il santuario più alto d’Europa.

Cappella vista dalla Punta dell’Orso

Ritorno

Per lo stesso percorso dell’andata oppure, scesi al Colle Bè Mulè, proseguire sulla cresta fino al Col Bione per poi scendere fino a raggiungere il sentiero dell’andata.

Attrezzatura

Normale attrezzatura escursionistica ed, eventualmente, i ramponcini.


Total distance: 9941 m
Download file: punta_dell_orso__20230225_1028.gpx

About author

Giorgio Bertin

Sono un ingegnere in pensione. Nato ad Aosta e vissuti i primi anni ad Etroubles, ho iniziato presto ad amare le montagne facendo con amici gite e scalate sulle principali montagne valdostane. Abitando ora a Torino ho incontrato una compagnia con la quale condividere la passione per la montagna, vissuta con un senso più profondo. Occasionalmente mi accade di organizzare gite di gruppo per ragazzi.

Specchio di Iside “Via del temporale”

Sulle grandi pareti del Massiet, Specchio di Iside, la “Via del Temporale”, se percorsa secondo il tracciato originale, costituisce una delle poche possibilità di arrampicata ...